Il Maestro e Margherita | Orfeo continua a cantare

14.02.2018

L'ultimo spettacolo di Emanuele Conte e Michela Lucenti percorre nuovamente la strada di una sorta di teatro totale: la fusione di recitazione, danza, canto e arti visive, che tanto successo ha riscosso nelle due stagioni precedenti del Teatro della Tosse con Orfeo Rave. Ma mentre quest'ultimo utilizzava gli immensi spazi dismessi del padiglione fieristico come palcoscenico, Il Maestro e Margherita sceglie  uno spazio teatrale tradizionale, pur parzialmente riadattato, facendo quasi invadere la platea dalla scenografia e dagli attori, liberi di muoversi tra il pubblico. Questa scelta più convenzionale ha il pregio di evidenziare quanto le costrizioni spaziali della formula teatrale influiscano sul risultato finale: la sensazione di assistere a uno spettacolo di stampo quasi televisivo è il rischio principale di questa formula. Alternare numeri di danza, canzoni e recitazione, proprio negli spazi costretti della sala, proietta la fruizione del pubblico in una sorta di extratestualità catodica, della quale si dubita continuamente la natura deliberata.

Il corpo principale della rappresentazione è occupato dalla trasposizione della vicenda amorosa tra il Maestro e Margherita, e in particolare dal lungo monologo centrale di Margherita. Una straordinaria Michela Lucenti racconta in forma di recitazione, danza e canto, la sua discesa nel regno delle Ombre per salvare il suo Maestro. È questo il momento più intenso emotivamente della messa in scena: il magnetismo della Lucenti crea una sorta di fascinazione collettiva, di nuovo l'essenziale effetto del teatro. Il richiamo alla vicenda di Orfeo ed Euridice non può essere casuale: non solo per Orfeo Rave, ma soprattutto per il tema della scrittura; poesia per Orfeo, prosa per il Maestro. Questo fertile legame extratestuale rischia in realtà di  sfuggire a chi non ha seguito la carriera di Conte e Lucenti, ma in generale aggiunge una dimensione interpretativa che si svelerà solo nel finale.
Al Satana saggio e disincantato viene lasciata invece la riflessione sul potere e la necessità dell'ombra, senza la quale nessuna luce potrebbe brillare. E allo stesso modo della sofferenza, per ogni felicità.

Questo prepara lo sfondo su cui viene evocata la risoluzione della vicenda. Il Maestro, autore di uno sfortunato capolavoro su Pilato, è chiamato a concluderlo per non lasciare nel limbo una vita generata dall'arte. Il manoscritto che si pensava distrutto dal suo autore non è andato perduto, perché ci rassicura Satana «i manoscritti non bruciano» . Anzi i manoscritti sono onnipotenti, in quanto destinati a creare la realtà, chiosa Margherita, mentre il Maestro riprende il suo lavoro, come Orfeo che continua a cantare perfino dopo la morte.

 

Il canovaccio del testo di Bulgakov viene frantumato e ricomposto in configurazioni sempre nuove, mescolato a suggestioni canore pop, ibridato con coreografie di danza colte o folkloristiche, annotato da monologhi che paiono più commenti alla vicenda narrativa che la sua realizzazione. Sicuramente in parte questo è il risultato di una scelta precisa: la difficoltà di adattare un romanzo che in origine è già una sorta di metaromanzo è indubbia. Ma la sua traduzione in termini teatrali pare essere più una scorciatoia per giustificare le giustapposizioni delle diverse coreografie, che frutto di una conscia progettualità. Questo comporta paradossalmente un pregio non indifferente: la percezione di un caotico perturbante sempre pronto ad emergere dalle vite apparentemente comuni dei protagonisti. Effetto ottenuto non per via narrativa, ma appunto teatrale, nel più puro significato della parola.

Inoltre la progressione concettuale di questo Maestro e Margherita è ammirevole, naturalmente figlia del suo testo originario. I numeri di danza sia di derivazione cabarettistica (ad esempio il Pago cash con tanto di pioggia di banconote sul pubblico), sia più inerenti alla vicenda (la performance della Lucenti), aiutano a trovare un equilibrio tra istanze intellettuali e sensibili. Il risultato finale è quello di un buon equilibrio, per un buono spettacolo che riesce a tratti a brillare di una luce cupa e affascinante. Come Margherita, apparentemente ingenua, ma capace di non farsi spaventare da nessuna ombra.

 

Elementi di pregio: l'equilibrio delle componenti del teatro totale; la capacità di preservare i motivi salienti del romanzo; Michela Lucenti e il suo monologo.
Limiti: la costrizione dello spazio teatrale convenzionale che limita il respiro del teatro totale; la scarsa chiarezza dei riferimenti al testo di Bulkagov chiosato più che narrato.


Visto al Teatro della Tosse il 07/02/2018.
Regia di Emanuele Conte e Michela Lucenti
Testo di Emanuele Conte ed Elisa D’Andrea liberamente ispirato al romanzo di Michail Bulgakov
Coreografie Michela Lucenti
Assistenti alla regia Alessio Aronne e Ambra Chiarello
Impianto scenico Emanuele Conte
Animazioni video Paolo Bonfiglio
Costumi Chiara Defant
Luci Andrea Torazza
Musiche Tiziano Scali e FiloQ
Mianoforte e musiche originali Gianluca Pezzino
con Andreapietro Anselmi, Fabio Bergaglio, Maurizio Camilli, Pietro Fabbri, Michela Lucenti, Marianna Moccia, Alessandro Pallecchi, Stefano Pettenella, Gianluca Pezzino, Paolo Rosini, Emanuela Serra, Natalia Vallebona
Direttore di scena Roberto D’Aversa
Elettricista Matteo Selis
Macchinista Fabrizio Camba
Attrezzista Renza Tarantino
Costruzioni Carlo Garrone
Assistente ai costumi Daniela De Blasio
Sarta Anna Romano
Produzione Fondazione Luzzati-Teatro della Tosse e Balletto Civile

  

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Potrebbe interessarti anche:
Please reload

Illustrazioni a cura di Michela Fabbri | Illustrini

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon

© 2017 by L'Oca

Genova, Liguria | locacritica@gmail.com